LA BASILICA DI S. SALVATORE PATRIMONIO UNESCO

LA BASILICA DI SAN SALVATORE È PATRIMONIO DELL’UMANITÀ UNESCO 

 

La Basilica di San Salvatore a Spoleto è Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. La cerimonia pubblica ufficiale per attestare l’avvenuta iscrizione del monumento nella World Heritage List dell’Unesco avrà luogo venerdì 6 luglio alle ore 16 presso la Basilica.

 

Dal 25 giugno 2011 il sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” è iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO e con esso la più significativa testimonianza della Spoleto longobarda: la basilica di San Salvatore.

 

Il sito “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” è stato iscritto nella Lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il sito seriale comprende sette rilevanti complessi monumentali situati lungo tutta la penisola, a Cividale del Friuli, Brescia, Castelseprio-Torba, Spoleto, Campello sul Clitunno, Benevento e Monte Sant’Angelo.

I beni testimoniano l’alto livello artistico raggiunto dai Longobardi che giunti dal nord Europa si stanziarono in Italia dove, tra VI e VIII secolo, svilupparono una nuova e originale cultura che si diffuse nei vasti territori da loro dominati. Il processo di sintesi culturale attuato dai Longobardi, integrando la tradizione classico-romana, la spiritualità del Cristianesimo, gli influssi bizantini e i valori germanici, segnò la transizione tra l’Antichità e il Medioevo Europeo. Il sito seriale testimonia il ruolo cardine svolto dai longobardi nello sviluppo spirituale e culturale della Cristianità europea medioevale, potenziando in particolare il movimento monastico.

 

L’iscrizione nella Lista dimostra il valore universale eccezionale del sito che deve essere tutelato a beneficio di tutta l’umanità.

 


Scarica l'allegato »

Our latest special offers,
straight to your inbox

Stay up to date with the latest specials from Base Hotel. Subscribe and save on your next stay.

Continue browsing site

Prenota